25a Domenica Tempo Ordinario – Festa dell’ “Addolorata”

Pensierino n° 228

Carissimi,
la festa dell’Addolorata che viviamo oggi, acquista un significato particolare per la presenza di don Christian nel ricordo del suo 25° di ordinazione sacerdotale. Con lui vogliamo rendere grazie a Dio per il dono della vocazione sacerdotale e il cammino vissuto da questa Comunità Pastorale, iniziata proprio da lui e affidata alla protezione del prossimo santo, il nostro parroco Beato Scalabrini. Una occasione questa non solo per far affiorare ricordi, esperienze vissute insieme, progetti pensati e realizzati. .. ma soprattutto per riconfermare il grande legame di amicizia e familiarità che ha contraddistinto la presenza di don Christian nella nostra Comunità.
Penso di fare cosa gradita a don Christian, sapendo dell’affetto e della conoscenza profonda che ha nei confronti del Beato Scala brini (essendo stato suo successore qui a S. Bartolomeo, ma avendolo già conosciuto a Fino Mornasco quando era vicario alla scuola di don Armando Bernasconi) nel riportare uno scritto di Scala brini sul sacerdote.
“Lavorare, affaticarsi, sacrificarsi in tutti i modi per dilatare quaggiù il regno di Dio e salvare le anime; mettersi, dirò così, in ginocchio davanti al mondo per implorare come una grazia il permesso di fargli del bene, ecco l’unica ambizione del prete. Quanto egli ha di ‘potere’, di autorità, di industria, di ingegno, di forza, tutto lo adopera a questo fine … Dal tugurio del povero corre al palazzo del ricco, dall’altare al capezzale dei moribondi, dal monte alla valle, in cerca delle pecorelle smarrite, e allora soltanto si dà pace quando gli venga di stringersi una al seno, e caricarsi l’altra sulle spalle, e a questa fasciar le piaghe, e a quella sfamare col cibo negato alla Sua bocca, non mai tanto lieto come quando prima di coricarsi può ricordare a sé stesso una lacrima detersa, una famiglia consolata, una innocenza protetta, il nome di Dio glorificato”.
Auguri don Christian!
Buona settimana a tutti!

don Gianluigi