31a Tempo Ordinario

Pensierino n° 189

Carissimi, la festa dei Santi che stiamo per vivere, si caratterizzerà quest’anno, per la nostra Comunità Pastorale, con un ricordo speciale per il nostro parroco e beato monsignor Scalabrini.
Domenica 7 novembre, infatti, la famiglia Scalabriniana inizierà proprio dalla nostra chiesa di San Bartolomeo, dove 150 anni fa era parroco, appunto, lo Scalabrini, un anno a lui dedicato per ricordare il venticinquesimo dalla sua beatificazione.
Ci troviamo, così, al centro di un evento che riguarderà il mondo intero e che vede nel nostro parroco l’ispiratore, essendo il fondatore della famiglia religiosa scalabriniana. È un dono che ci coinvolge e che diventa per noi una responsabilità: custodire e testimoniare anche qui a Como ciò che Scalabrini ha vissuto e realizzato. Ci aiuta, in questo, anche il tema che è stato scelto per l’anno Scalabriniano: Fare patria dell’uomo il mondo. Così sottolineano i superiori Scalabriniani in una loro lettera: «Scalabrini è stato un modello per il mondo e lo è ancora oggi, in un mondo globale diviso da incomprensibili muri. La sua passione per i migranti è una chiave di interpretazione della contemporaneità che ha le sue basi nel messaggio di Cristo».
La nostra Comunità si caratterizza, oggi, per la sua multietnicità e multiculturalità, con il mondo che è diventato casa nostra. Attraverso la disponibilità all’accoglienza, la conoscenza reciproca e il camminare insieme, anche qui tra noi possiamo realizzare il grande sogno di Scalabrini.
Buona domenica, buona festa dei Santi e buona settimana!

don Gianluigi