Immacolata concezione di Maria

Carissimi, continuiamo il nostro cammino verso il Natale per essere testimoni di speranza, chiamati a vincere ogni paura.

In questa seconda domenica ci viene proposta Maria Santissima, nella solennità che la presenta Immacolata, come colei che è massimo esempio di accoglienza. Con la sua disponibilità alla proposta dell’angelo, Maria accoglie in se il Figlio di Dio per donarlo a tutta l’umanità.

Saper accogliere: un atteggiamento che implica certamente disponibilità, ma che presuppone la capacità di scoprire i doni che Dio continuamente ci offre, meglio ancora la presenza di Gesù nella nostra vita. Quante realtà sono segno concreto di una presenza di Gesù che chiede di essere accolto. Mi piace qui richiamarne almeno alcune:

  • Gesù ci chiede di essere accolto nell’Eucaristia, sacramento della sua presenza. Un dono speciale che ci ricorda sempre il suo amore e lo fa crescere in noi.
  • Gesù ci chiede di essere riconosciuto ed accolto nella comunità che si riunisce nel suo nome, nel suo amore. Guardare a questa comunità alla quale apparteniamo con occhi nuovi, come alla famiglia nella quale siamo chiamati a vivere e a dare il nostro contributo.
  • Gesù ci chiede di essere accolto nella sua parola che ancora oggi risuona attraverso il Vangelo e la parola dei pastori della chiesa. Anche la piccola, ma significativa esperienza del vangelo da vivere ogni mese, che abbiamo chiamato “sulla via” è una ulteriore possibilità per accogliere Gesù che ci rinnova con la sua parola
  • Gesù ci chiede di essere accolto in ogni persona che incontriamo, soprattutto nel povero, non considerando l’altro come un estraneo o un rivale, ma come qualcuno che mi appartiene e che è dono per me.
  • Gesù ci chiede di essere accolto nell’ascolto della nostra coscienza. È lui, attraverso il suo Spirito, che parla al nostro cuore per indicarci il cammino per la nostra felicità e piena realizzazione.

Natale allora non sarà solo un ricordo di ciò che è avvenuto duemila anni fa, ma un incontro con una persona, Gesù, viva e presente oggi in mezzo a noi.

don Gianluigi