27a Tempo Ordinario – Festa Madonna del Rosario

Pensierino n° 41

Carissimi, il mese d’ottobre è tradizionalmente dedicato alla recita del Santo Rosario. Una preghiera che ha sostenuto e aiutato tante generazioni di cristiani. Certo una preghiera non facile, ma che ci aiuta a ripercorrere le tappe della nostra redenzione e di ciò che Dio ha fatto, in Gesù, per manifestarci il suo amore e offrire a tutti la salvezza. Quest’anno papa Francesco ci invita a riscoprire questa preghiera, proprio in questo mese, indicandoci anche una intenzione particolare: chiedere alla Vergine Maria e a San Michele Arcangelo di proteggere la Chiesa dal diavolo che mira a dividere la comunità cristiana. Come Comunità pastorale abbiamo accolto l’invito del Papa, mettendo questa intenzione per il rosario che viene recitato comunitariamente prima delle S. Messe feriali. Potrebbe però essere un invito rivolto anche alle famiglie, magari recitando insieme solo una parte di questa preghiera, riscoprendo così anche la bellezza della preghiera fatta in casa.

Mi piace inoltre ricordare che questo mese è dedicato anche alla riflessione e all’impegno missionario di tutta la Chiesa. Il messaggio del Papa, che invito a leggere integralmente, è dedicato in modo particolare ai giovani, ricordando il Sinodo a loro dedicato che si sta svolgendo in queste settimane in Vaticano.

Vi riporto un brano che mi ha particolarmente colpito: “La trasmissione della fede, cuore della missione della Chiesa, avviene per il “contagio” dell’amore, dove la gioia e l’entusiasmo esprimono il ritrovato senso e la pienezza della vita. La propagazione della fede per attrazione esige cuori aperti, dilatati dall’amore.  All’amore non è possibile porre limiti: forte come la morte è l’amore (cfr Ct 8,6). E tale espansione genera l’incontro, la testimonianza, l’annuncio; genera la condivisione nella carità”.

La preghiera del santo Rosario e l’impegno missionario della trasmissione della fede, siano l’anima del nostro impegno in questo mese.

don Gianluigi

Nel tempo di avvento, proponiamo a tutte le famiglie, oltre al sussidio preparato dalla Diocesi “ACCORCIAMO LE DISTANZE” (che trovate in chiesa) anche l’iniziativa di preghiera “LA LUCE DELLA VICINANZA” proposta dalla Commissione Famiglia diocesana, con i padri Camilliani e le suore Infermiere dell’Addolorata. Si tratta di accendere ogni giorno d’Avvento alle 20:30 un lumino sul davanzale della finestra e, uniti nella fede, recitare una preghiera per i malati e gli operatori sanitari impegnati nella lotta al covid 19. In chiesa potete trovare il cartoncino con la proposta di preghiera. 

don Pietro Bianchi, nuovo Collaboratore

Ciao! Pietro è il mio nome. Casnatese, 35 anni, da 9 prete.

Contento di esserlo, perché mi ha permesso di sperimentare la grandezza e la creatività di Dio che i piani li stravolge per costruirne, con te, di più luminosi.

Contento di essere stato 7 anni a Lomazzo, come Vicario. Una comunità che mi ha voluto tanto bene, anche al di là di ogni mio (poco) merito.

Contento della proposta del Vescovo di guidare la Pastorale Giovanile Diocesana e L’Azione Cattolica. Realtà vive della nostra Chiesa dove il campo è tutto seminato e noi poveri operai abbiamo solo da raccogliere.

Contento ora di aver accolto l’invito per una collaborazione in questa Comunità Pastorale dove la fede è accesa e tanta santità ne bagna il terreno che si preannuncia fecondo.

Contento di accogliere e vivere una fraternità sacerdotale, con don Gianluigi, don Antonio, don Rodolfo. Si sa, dai fratelli maggiori si ha sempre da imparare e molto c’è da gustare insieme, a tante tavole.

Contento di servire la Chiesa, amando Dio nei volti di questa comunità e accogliendo le sue meraviglie disseminate nella vita di ciascuno di voi, non senza ferite e lacrime.

Contento, per quello che potrò, di esserci e camminare insieme con voi. I fuochi di artificio, ho controllato, li ho finiti. Ho un vecchio Vangelo in tasca, e la mia vita da spendere. Invoco lo Spirito su me e su ciascuno. Il resto, sarà da vivere…

State allegri!

don Pietro

Facebook
YouTube