Epifania

Pensierino n° 10

Carissimi al termine di questo tempo di Natale la Chiesa ci invita a dare l’annuncio della Pasqua. Non è solo il ricordo di alcune date importanti lungo l’anno, ma il richiamo alla centralità della Pasqua nel cammino della fede e il farci rendere sempre più conto che dalla morte e risurrezione di Gesù scaturiscono tutti i giorni santi, ma anche la nostra vita nuova. Anche questo anno sia un’ulteriore occasione per scoprire la grandezza dell’amore di Dio per noi, offerto in Gesù.

Fratelli carissimi, la gloria del Signore si è manifestata e sempre si manifesterà in mezzo a noi fino al suo ritorno.
Nei ritmi e nelle vicende del tempo ricordiamo e viviamo i misteri della salvezza.
Centro di tutto l’anno liturgico è il Triduo del Signore crocifisso, sepolto e risorto, che culminerà nella
domenica di Pasqua il 1° aprile.
In ogni domenica, Pasqua della settimana, la santa Chiesa rende presente questo grande evento nel quale Cristo ha vinto il peccato e la morte.
Dalla Pasqua scaturiscono tutti i giorni santi:
Le Ceneri, inizio della Quaresima, il 14 febbraio.
L’Ascensione del Signore, il 13 maggio.
La Pentecoste, il 20 maggio.
La prima domenica di Avvento, il 2 dicembre. 
Anche nelle feste della santa Madre di Dio, degli apostoli, dei santi e nella commemorazione dei fedeli defunti, la Chiesa pellegrina sulla terra proclama la Pasqua del suo Signore.
A Cristo che era, che è e che viene, Signore del tempo e della storia, lode perenne nei secoli dei secoli! Amen!

don Gianluigi

Facebook
YouTube