Domenica II Ordinario

Pensierino n° 401
Cari parrocchiani della Comunità Beato Scalabrini, oggi siamo tutti invitati ad allargare le braccia e aprire il cuore per diventare una comunità accogliente.
Innanzitutto, accogliamo il vescovo Oscar che in occasione della giornata dei migranti celebrerà la santa Messa con noi e per noi. Poi accogliamo tutti i fratelli cristiani migranti che ormai vivono stabilmente nel comasco e che animeranno la celebrazione con la ricchezza delle loro tradizioni, delle loro terre, dei loro canti.
Infine, nel suo messaggio il Papa ci invita ad essere accoglienti soprattutto con i bambini migranti.
Dice il Santo Padre: “In occasione dell’annuale Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, mi sta a cuore richiamare l’attenzione sulla realtà dei migranti minorenni, specialmente quelli soli, sollecitando tutti a prendersi cura dei fanciulli che sono tre volte indifesi perché minori, perché stranieri e perché inermi, quando, per varie ragioni, sono forzati a vivere lontani dalla loro terra d’origine e separati dagli affetti familiari…
L’età infantile, per la sua particolare delicatezza, ha delle esigenze uniche e irrinunciabili. Anzitutto il diritto ad un ambiente familiare sano e protetto dove poter crescere sotto la guida e l’esempio di un papà e di una mamma; poi, il diritto-dovere a ricevere un’educazione adeguata, principalmente nella famiglia e anche nella scuola, dove i fanciulli possano crescere come persone e protagonisti del futuro proprio e della rispettiva nazione. Di fatto, in molte zone del mondo, leggere, scrivere e fare i calcoli più elementari è ancora un privilegio per pochi. Tutti i minori, poi, hanno diritto a giocare e a fare attività ricreative, hanno diritto insomma ad essere bambini…
Purtroppo però i bambini, costituiscono il gruppo più vulnerabile delle migrazioni perché invisibili e senza voce, e rischiano di essere anche vittime di illegalità, violenza e abusi…
Per questo bisogna puntare sulla protezione, sull’integrazione e su soluzione durature.

Don Christian e pregate per me

Facebook
YouTube