4a Domenica di Avvento

 Pensierino n° 396

Cari parrocchiani della comunità pastorale Beato Scalabrini, alla radio hanno “ribattezzato” la festa del Natale come la festa dell’Amore: tanti cuoricini di qui e tanti cuoricini di là, bisogna volersi bene, bisogna essere più buoni ecc. ecc. La cosa mi colpisce e mi vien in mente che la Festa dei Santi è diventata Halloween, la festa della Madre di Dio è diventata Capodanno, l’Epifania è diventata la Befana, l’Assunta è diventata Ferragosto… adesso il Natale sta diventando la festa dell’amore!?! Ma che fine ha fatto il nostro caro e amato Gesù Bambino?
Lentamente, furbescamente o innocentemente, non lo so, stanno buttando fuori Dio dalla nostra vita, dalle nostre feste, dal nostro tempo. E noi cosa facciamo? Alziamo le spalle? … sorridiamo? … battiamo le mani?
Povero Gesù e soprattutto poveri noi! Come siamo tiepidi a confronto con i cristiani che la settimana scorsa sono stati uccisi in Egitto o con i cristiani di Siria che temono attentati nella notte di Natale.
Comunque sia, cambiando bruscamente discorso, in forza della nostra fede, grati a Dio Padre per il grande dono di Gesù Bambino, certi che non c’è nessun altro Salvatore se non Gesù Cristo, vogliamo fare qualche piccolo dono a nostri fratelli meno fortunati di noi.
A nome di tutta la nostra comunità regaliamo € 500 a una scuola media del Burkina Faso gestita da Raymond, € 500 al Centro di Aiuto alla Vita di Como, € 500 al Carcere del Bassone, € 1000 al Seminario Vescovile di Como. E mi sembra giusto in questo Natale non dimenticare i terremotati del centro Italia per cui gli regaliamo € 1000 da aggiungere a quelli che avevamo raccolto qualche mese fa. Firmerò il biglietto a nome di tutta la parrocchia e chiederò preghiere per tutti noi.

don Christian

*offerte per la ristrutturazione dell’oratorio: euro 50 – 75 – 5 – 500 – 100 – 10 – 30 – 20 –          300 da “San Barth for you”

Facebook
YouTube