Domenica XXXI Ordinario

Pensierino n° 386

Cari parrocchiani della comunità pastorale Beato Scalabrini, il 4 dicembre c’è il Referendum. Non vi nascondo che fino ad oggi non ho approfondito l’argomento ma mi sono limitato ad ascoltare i commenti pro Si e pro No al telegiornale. Però è arrivato il momento, almeno per me, di leggere e ascoltare, conoscere e capire, per farmi un’idea personale approfondita che poi mi porterà a scegliere. Prendo spunto da questa occasione per ricordare che i cristiani devono interessarsi della politica e che ognuno di noi ha una testa e la deve utilizzare, anche perché in democrazia il voto del professore universitario vale come il voto del contadino. Ma anche il contadino, in coscienza, ha il dovere morale di informarsi. Tante volte deleghiamo ai politici, tante volte ci indigniamo verso la politica, ma forse dovremmo diventare capaci di atteggiamenti più costruttivi e più ragionati.
Per cui vi propongo gli incontri proposti all’Università dell’Insubria in preparazione al Referendum (cfr riquadro nella pagina centrale). Ci sono dei relatori molto competenti, in una sede molto prestigiosa, con tante associazioni e gruppi tra gli organizzatori. Se non ho capito male, le prospettive politiche delle ACLI sono un po’ diverse da quelle della Compagnia delle Opere, eppure questa volta si sono riuniti per proporre alla città questa opportunità. Mi sembra molto bello e penso che questo sia garanzia della pluralità della proposta: non incontri di partito ma incontri di dialogo, di approfondimento, di confronto costruttivo. Forse, per riavvicinarci alla politica, abbiamo bisogno di iniziative come queste e non di frasi urlate come nei vari programmi televisivi.
San Giovanni Bosco diceva sempre che i suoi ragazzi dovevano diventare “buoni cristiani e onesti cittadini”. Impegniamoci per diventare sia l’uno che l’altro.

don Christian

* Giornata Missionaria Mondiale: euro 2500
* offerte per la ristrutturazione dell’oratorio: euro 50 – 20 – 5 – 10 – 2.000

Facebook
YouTube